• Avenue Louise, 500 B1050 Bruxelles

En sp Fr

  • Scrivici

    info@inplobbying.com

Sono solo scarpette da danza?

  • Fabrizio Andreoli
  • News
  • Read 220 times Last modified on Giovedì, 09 Luglio 2020 10:28

"Non abbiamo mai davvero affrontato tutto il danno che è stato fatto nei due secoli e mezzo durante i quali abbiamo ridotto i neri a schiavi", Bryan Stevenson, avvocato per i diritti civili.

Nel mondo della danza classica vi sono molte ballerine nere. Per molti anni le ballerine di colore hanno dovuto tingere le proprie scarpette al fine di renderle adeguate al colore della pelle.

Ciò ha comportato per le danzatrici costi e tempi considerevoli per trasformare i propri "strumenti di lavoro". Insomma- dispiace constatarlo - le scarpette da danza sono state pensate e poi prodotte per le ballerine di pelle bianca: scarpe bianche e rosa. Alla fine di Ottobre 2018 l'azienda Full of London ha iniziato a produrre scarpette da punta di tonalità adatte alle danzatrici con la pelle nera. Due modelli: le Ballet Bronze ( chiare) e le Ballet Brown(scure). Le scarpette da punta esistono dal 1820. Scarpette che consentono alle danzatrici di stare sulle punte dei piedi tramite un sostegno rigido. Tutto ciò,di primo acchito,risulterà ai più una vicenda leggera in rapporto ai temi che attengono alla uguaglianza razziale nel mondo e in particolare,in questi giorni, negli Stati Uniti.

Lo scorso 25 Maggio, nella città di Minneapolis,l'afroamericano George Floyd è stato bloccato a terra da un' agente della polizia bianco con un ginocchio sul collo per otto minuti. George ha perso il fiato e la vita.

Dalla scomparsa di George Floyd nel Paese delle libertà e delle opportunità -il sogno americano! - per tutti si sono svolte, in duemila città, delle manifestazioni pubbliche contro la polizia e contro il razzismo. Il 12 Giugno,ad Atlanta ,Rayshard Brooks, anch'egli afroamericano, è stato ucciso da tre colpi sparati da un poliziotto

a seguito di una colluttazione e una fuga. A nostro avviso non è esagerato inserire la vicenda delle scarpette da danza e da ballo in un contesto ,negli Stati Uniti d'America,di pregiudizio razzista inconscio. Il 19 Giugno 1963 il presidente John Fitzgerald Kennedy presentò al Congresso ( la Camera dei rappresentanti e il Senato degli Stati Uniti) il Civil Rights Act, la proposta di legge per vietare la discriminazione razziale nei luoghi pubblici. Il 2 Luglio 1964 - Kennedy venne assassinato nel Novembre 1963- la proposta di legge fu approvata dal Congresso.

La danzatrice brasiliana - nata a Rio de Janeiro, nel quartiere Benfica- Ingrid Silva, della compagnia statunitense Dance Theatre of Harlem creata da Arthur Mitchell, uno dei primi danzatori neri, è da tempo impegnata sulle varie piattaforme social - conta 89 mila follower su Instagram- a raccontare il lavoro di una ballerina, il rituale a cui deve sottoporsi (prima di entrare in scena) per adattare le scarpette da punta al colore della pelle. Ingrid ha affermato: " La danza è per tutti e tutti devono sentire di poterne fare parte". Ingrid Silva è una giovane che ha sempre lottato per affermarsi, per divenire una danzatrice professionista. Si è trasferita a New York alla età di 18 anni.

Nella Grande Mela ha svolto numerosi lavori( baby sitting , cameriera) per mantenersi,studiare la lingua inglese e dedicarsi alla danza. Una vita difficile. Ma la danza l'ha salvata.

Per Ingrid Silva la danza è come l' ossigeno: "Io danzo, io respiro". Il cammino di Ingrid è un esempio di tenacia, di coraggio e di fiducia nelle proprie capacità. Per la danzatrice di Rio ogni giorno conta,ogni giorno è importante.

Per Virginia Johnson, direttrice artistica del Dance Theater of Harlem, il colore delle scarpette da punta "non parla di scarpe ma di chi appartiene al mondo del balletto e chi no. È un segnale di apertura"

Fonti:

http://www.vita.it/it/article/2020/06/12/lamerica-e-la-pandemia-del-razzismo/155844/

http://www.ingridsilvaballet.com/home

https://www.ilpost.it/2018/11/08/scarpette-da-punta-ballerine-nere/

https://www.elle.com/it/moda/tendenze/a27082479/scarpette-danza-classica-ballerine-di-colore/

Jean Ziegler "La privatizzazione del mondo. Predoni, predatori e mercenari del mercato globale", Il Saggiatore,2010, pp.260,261.

Rate this item
(0 votes)